X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Cyber bullismo un fenomeno sempre più preoccupante

La possibilità di essere sempre online è una realtà. La maggior parte degli smartphone in circolazione hanno una connessione internet attivata e così non c'è da stupirsi se una parte della vita relazionale dei giovani si svolge in rete.

Il rovescio della medaglia esiste anche in questo fenomeno e si chiama cyber bullismo. Uno studio recente fatto in Europa da Microsoft, rivela che il 39 % degli adolescenti ha subito questo fenomeno in rete. Si tratta di spettegolezzi, minacce e notizie false diffuse sui social network per buttare una cattiva luce su una persona. Altrettanto semplice è postare dei filmati o delle foto compromettenti per discreditare una persona che ti sta antipatica. Una realtà che sempre più spesso viene riportata dagli adolescenti che si rivolgono a Young+Direct per chiedere come fare a difendersi.

Il bullismo è una piaga antica

Nelle scuole elementari e medie il fenomeno è molto diretto e si esprime attraverso le minacce e la violenza verbale e fisica. Nelle scuole di grado superiore i metodi diventano via via più sottili e
sofisticati. La tecnologia di oggi poi, si presta molto bene per discreditare ognuno in maniera anonima e avendo come platea di spettatori il mondo intero. Il metodo utilizzato è tanto semplice per gli aggressori quanto insidioso per le vittime. Facendo un filmino o una fotografia da scaricare su internet corredandola, se necessario, di commenti pseudo-simpatici o apertamente denigratori ognuno può diventare una vittima inconsapevole. Insegnanti inclusi.

Le motivazioni per il cyber bullismo sono simili a quelle usate in altri contesti di bullismo. Si cerca di discreditare qualcuno per ricevere il plauso "da grande regista" degli altri spettatori in rete. Come se fare una fotografia o un filmato di nascosto fosse un atto nobile e di grande coraggio.
Il primo sentimento che prova una vittima del bullismo telematico è un'assoluta impotenza. Una volta che il video è stato messo in rete può essere visto da chiunque e liberarsi dello scherno degli altri diventa una impresa molto ardua.
Come per il bullismo tradizionale inoltre è illusorio aspettarsi l'aiuto di altri internauti, che al contrario spesso non fanno altro che spargere la voce.

Cosa fare per difendersi?

Una possibilità è fare uno screenshot per avere una traccia scritta, ovvero una prova delle calunnie, delle minacce e della violazione della privacy. Per fotografare lo stato attuale del monitor del proprio PC si digita la combinazione alt + Print (stampa), si apre un documento vuoto di scrittura Word o open office writer e si inserisce la pagina fotografata con Strg + v. Dopodiché si può annotare l'ora e la data, la nickname del bullo - molestatore. Con tale documento ci si può rivolgere al titolare o al moderatore della chat o del social network o nei casi molto gravi fare una segnalazione presso il tribunale per i minori o al commissariato di P.S. online ove è presente l'ufficio internet gestito dalla Polizia postale. A tale ufficio si possono fare segnalazioni di reati che avvengono su Internet: hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia on line ecc..
In ogni caso per navigare in internet è sempre bene attenersi a determinate regole basilari. Quindi non fornire dati personali tipo nome, cognome e indirizzo di residenza e andare cauti con le immagini personali che si mettono in rete.