X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Ansia da esame (1)

Presumibilmente tutti conoscono i sintomi della paura prima di un esame: nervosismo, le mani bagnate di sudore, il cuore a mille e la voce che ti abbandona. Avere paura di un esame è normale. Averne troppa però diventa un problema.

La paura nasce quando ci si sente messi alle strette e si teme il peggio. Ad esempio quando iniziano a passare per la testa dei pensieri tipo: “Se non so rispondere alla domanda, e non riesco a ricordare più niente?” “Se mi bocciano all’esame? Come farò a dirlo ai miei? Come reagiranno?” “Cosa sarà delle mie amicizie …?” Questi e simili pensieri sono un chiaro segnale di panico che ti impedisce di ragionare lucidamente per affrontare la prova.
Chi si fa prendere troppo dall’ansia prima di un esame, non riesce a concentrarsi sulla materia che deve studiare e spreca la propria energia mentale a combattere la paura. Ed è proprio questo che impedisce alla persona di prepararsi come dovrebbe.

L’ansia inoltre fa apparire la situazione più pericolosa di quello che è in realtà. La persona non è in grado di vedere l’esame come un test durante il quale vengono messe alla prova determinate competenze o richieste determinate nozioni. Il “semplice” esame viene visto come una prova che, se va male, compromette tutto: il futuro, la propria autostima … fino alla gioia di vivere.
La paura da esame non ha a che fare con le capacità di una persona, anzi prende anche chi è molto preparato. Secondo una indagine una ragazza su quattro e un ragazzo su sei ne sono colpiti.

Chi tende ad essere ansioso?

Ci sono dei tratti caratteriali che sicuramente contribuiscono ad aumentare l’ansia. Ad esempio una forte tendenza a svalutarsi, a pretendere troppo da se stessi o la tendenza di farsi guidare più dalla paura di fallire che dalla speranza di avere successo.
Questi tratti caratteriali in genere sono molto radicati nella personalità, il che però non vuole dire che bisogna rassegnarsi.
Nonostante tutto, la paura ha anche degli effetti positivi. Se non è opprimente può essere uno sprono a studiare ed avere degli effetti positivi sulla preparazione. La paura ti rende più attento ad eventuali lacune della preparazione e attiva le energie sia mentali che fisiche.