X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Gay

Il mondo nei nostri tempi appare sicuramente più vario, più colorato, ma anche più complesso e problematico rispetto a qualche decennio fa; questo vale anche per l’identità di genere e le preferenze sessuali.

Nella società occidentale nuove idee hanno sostituito i vecchi valori, si dà per scontato che tutte le persone abbiano pari dignità e ci si riempie la bocca di parole che inneggiano alla libertà e alla tolleranza. Ma tutta questa tolleranza spesso viene meno quando siamo confrontati con persone che amano persone del proprio sesso.

Quando è una rock-star, un divo cinematografico, un poeta o un’atleta ad amare persone del proprio sesso, tutto sembra più facile e accettabile. Anzi, sembra che un certo grado di omosessualità renda queste persone ancora più accattivanti ed interessanti. Quando invece ad essere omosessuale è il nostro vicino di casa o la nostra compagna di banco o il nostro collega in ufficio la tolleranza svanisce e a volte muta in disprezzo.
Se un adolescente si espone, dicendo che è innamorato di una persona del proprio sesso, viene subito bollato come un adolescente un po’ confuso che deve tutt’al più trovare ancora la sua strada, eterosessuale naturalmente, o i suoi desideri vengono interpretati come frutto di una crisi. Si fa tanta fatica insomma ad accettare e rispettare i sentimenti per quello che sono, una cosa autentica e vera, non generata da chi sa quale confusione sentimentale.

Pressoché tutta l’educazione che ci viene impartita ci indirizza verso una condotta eterosessuale; sono rare le società che contemplano l’omosessualità come una forma alternativa di amore. Forse proprio per questo, nonostante tutta la tolleranza di cui si parla, per un giovane è difficile vivere ed accettare la propria omosessualità.

La maggior parte dei ragazzi che si accorgono di essere attratti da persone del proprio sesso, cercano di mettere a tacere o reprimere le proprie pulsioni. Talvolta si buttano in relazioni eterosessuali o addirittura rinunciano completamente a vivere la propria sessualità. Altri decidono di vivere la propria omosessualità in clandestinità, costretti a condurre una doppia vita pur di soddisfare le attese e le aspettative altrui.

Ma vivere secondo le aspettative altrui, rifiutare la propria sessualità e i propri desideri è una grande fonte di sofferenza che può esprimersi nei modi più disparati. Basti pensare, che secondo una ricerca, ben il 30% di tutti i suicidi giovanili sono commessi da omosessuali. Non volendo drammatizzare, si può comunque affermare che reprimere la propria sessualità non fa per niente bene e può causare malesseri sia fisici sia psichici.

Per fortuna la maggior parte delle persone con un briciolo di sale in zucca riconoscono all’omosessualità pari valore e dignità ed è sempre più raro che all’omosessualità siano associate parole quali malattia, morbosità e perversione.

Per questo, ogni trasmissione televisiva, ogni insegnate informato, ogni genitore ed educatore che antepone ai propri preconcetti l’amore e l’accettazione contribuirà a rendere la vita di un giovane omosessuale più serena e felice.