X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Il corpo maschile ( 1 / 2)

Trattiamo l'argomento dell'apparato genitale maschile e del “pene” perché i dubbi e le curiosità sono all'ordine del giorno.

Qualsiasi ragazzo e qualsiasi uomo nel corso dello sviluppo si chiede se il proprio pene va bene così com'è o se è troppo piccolo, troppo grande o se ci sia qualcos'altro che non va! Pur essendo il pene il centro del piacere nell'attività sessuale, noi tratteremo anche gli altri organi dell'apparato genitale che hanno una funzione importante e indispensabile nella riproduzione.

Nomi in codice ce ne sono tanti ma il suo vero nome è:

Pene
Il pene è un organo di forma cilindrica che termina con una struttura affusolata, detta glande (la cosiddetta "cappella"). Non si tratta di un muscolo e nemmeno di un osso! ma è costituito dai corpi cavernosi, ovvero da strutture spugnose in grado di riempirsi di una notevole quantità di sangue al momento dell’eccitazione. Ciò determina l’irrigidimento del pene e quindi l’erezione, che rende possibile la penetrazione. Non essendo un muscolo il pene non può essere “allenato” e quindi con non può ne ingrandirsi, ne cambiare forma o diventare più forte. La forma e la dimensione del pene sono diverse da uomo a uomo, differenze che sono del tutto normali. Detto questo, va precisato che una vita sessuale soddisfacente può essere del tutto indipendente dalle dimensioni del pene.
Il pene in erezione di un uomo europeo adulto misura mediamente dai 13 ai 15 centimetri (misurando dalla base alla punta). Quando il pene non è in erezione le differenze sono più marcate. La sua dimensione dipende anche dalla temperatura: infatti tutto l'apparato genitale maschile esterno si contrae con il freddo e si rilascia con il caldo. Sul glande c’è un foro (il meato uretrale) da cui fuoriescono, mai contemporaneamente, lo sperma e l’urina passando attraverso un canale, l’uretra, che percorre il pene in tutta la sua lunghezza.

Corpi cavernosi ed erezione
Durante l’eccitamento sessuale arriva più sangue agli organi genitali; i corpi cavernosi del pene si riempiono di sangue, il pene aumenta di dimensione, si indurisce e si erige. L'erezione può essere causata da uno stimolo erotico ad esempio di notte per via di un sogno erotico, ma l'erezione può avvenire anche senza stimolo erotico ad esempio la mattina al risveglio per via della pressione esercitata della vescica piena di urina. A volte poi l’erezione si ha nei momenti meno opportuni e questo capita perché è un comando che parte dal cervello, in modo autonomo e non volontario. Viceversa quindi può capitare che in una situazione erotica non ci sia erezione perché l'uomo è sopraffatto da altri pensieri o dall'ansia di prestazione.


Il prepuzio ed i problemi connessi
Allo stato di riposo il glande è ricoperto da una piega cutanea (pelle), chiamata prepuzio, che durante l’erezione scivola verso il basso e si distende. Quando la pelle che ricopre il glande, si presenta di larghezza non sufficiente per lo scorrimento e lo scoprimento del glande, si parla di fimosi. Questo restringimento del prepuzio non è una malattia in senso stretto ma una caratteristica morfologica del pene che può causare disagi e malattie. La fimosi a volte deve essere curata con un piccolo intervento chirurgico e in alcuni casi può essere risolta con un progressivo allargamento del prepuzio mediante una "ginnastica di scorrimento".
L’estensione del prepuzio dipende dalla costituzione di ciascuno, ma può essere determinata anche da fattori religiosi e culturali. Quando il prepuzio viene eliminato si parla di circoncisione.

Sacco scrotale e testicoli
Posteriormente e al di sotto del pene si trova il sacco scrotale contenente al suo interno i testicoli, che hanno il compito di produrre gli spermatozoi e gli ormoni sessuali maschili, i quali a loro volta permettono lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari. Nella maggior parte degli uomini uno dei due testicoli pende più in basso rispetto all’altro. Nel sacco scrotale i testicoli si trovano ad una temperatura inferiore rispetto a quella corporea, questo per consentire la normale produzione dello sperma.