X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Viaggio attraverso il corpo femminile (2/2)

Gli organi sessuali interni

Il nostro viaggio attraverso il corpo femminile continua per capire cosa c'è oltre al visibile. Parleremo degli organi sessuali interni. Questi – in contrasto con gli organi esterni – sono ispezionabili solo con il tatto, o visibili utilizzando uno speculum.

L’imene
Nella ragazza vergine l’ingresso vaginale è parzialmente chiuso nella parte bassa dall’imene che è una membrana sottile ed elastica molto variabile anche nell’ estensione, tanto è vero che quasi tutte riescono senza difficoltà a inserire un tampone o un dito nella vagina.
L’imene non ha alcuna funzione biologica, solitamente cede durante il primo rapporto sessuale, oppure con il petting, la masturbazione, l’introduzione di un tampone o l' attività sportiva. È vero che l’imene rompendosi potrebbe sanguinare, questo però non avviene sempre e se avviene si tratta di una perdita di sangue molto scarsa.
La vagina
Finalmente eccoci arrivati alla vagina: come la bella addormentata nel bosco se ne sta protetta dai suoi guardiani che sono gli organi genitali esterni. La vagina non può definirsi una vera cavità, le sue pareti, lunghe a riposo ca. 8 cm sono aderenti l’una all’altra, ondulate come le dune e possono distendersi adattandosi perfettamente al contenuto, sia esso un dito, un tampone, un pene o addirittura la testa del proprio bambino.
La vagina è sempre umida, come la bocca, e viene bagnata dalle secrezioni, che giungono dall’utero e che ogni donna può notare come perdite bianche. Durante l’eccitazione sessuale si lubrifica ulteriormente con dei liquidi che assomigliano a chiara d’uovo. Queste secrezioni oltre a testimoniare la reazione sessuale facilitano il rapporto.

L’utero
L’utero è un organo a forma di pera e si trova nella parte centrale del bacino, molto in basso. Ha una parete muscolare molto spessa ed elastica. È un organo talmente elastico che si può estendere fino a contenere uno o due bambini più vari litri di liquido amniotico. Infatti se in condizioni normali ha la dimensione del tuo pugno, alla fine di una gravidanza è grande come una anguria. La parte inferiore dell’utero, detta collo dell’utero, ha al centro una piccola fessura chiamata cervice dell'utero (portio) la quale comunica con la vagina. Attraverso questa fessura minuscola fuoriesce il sangue mestruale e possono entrare gli spermatozoi dopo un rapporto sessuale.

Le tube
A destra e a sinistra dell’utero partono le due tube, degli organi cavi che conducono alle ovaie.

Le ovaie
Le due ovaie si trovano a destra e a sinistra nella parte inferiore del bacino. Già alla nascita, ogni ovaia di una bimba neonata contiene circa 200.000 cellule uovo e durante il periodo fertile (dal menarca, cioè dalla prima mestruazione, alla menopausa) maturano da 400 a 500 ovuli. La maturazione dell'ovulo avviene circa ogni 4 settimane e dopo l’ovulazione una piccola cellula uovo raggiunge una delle tube dove può essere fecondata. Le ovaie inoltre producono gli ormoni sessuali femminili che regolano il ciclo.