X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

L'albergo migliore del mondo? La casa dei tuoi!

“Perché andare lontano, se le cose buone sono a portata di mano?!” Probabilmente la pensano così tanti giovani che fanno fatica ad abbandonare il nido famigliare.

Giovani, e spesso non più tanto giovani, che non si scollano dalla casa dei loro genitori anche se hanno già un lavoro e quindi un introito proprio.

Nei paesi latini, in particolare in Italia e in Spagna queste costellazioni familiari dove si rimane sotto allo stesso tetto dei genitori fino al matrimonio sono all'ordine del giorno. Nei paesi anglosassoni del nord Europa invece chi rimane a casa viene giudicato essere troppo comodo, scansafatiche e pigro. C'è chi non si scolla mai da casa e chi ha provato a prendere il volo ma poi è tornato al nido di partenza.

Ma quali sono i motivi per cui tanti giovani evitano di andare a vivere da soli? Si tratta veramente solo della comodità offerta dall'hotel “mamma”? La tavola pronta, il letto rifatto e la biancheria pulita e profumata?

Il lato economico

Uno degli argomenti che comunque viene esposto più di frequente per la permanenza da mamma e papà, sono i soldi. Pur riconoscendo che restando a casa si conduce una vita da scolaro delle superiori e desiderando ardentemente di andarsene per la propria strada, tanti giovani devono constatare che le possibilità economiche non gli permettono il lusso di pagare un affitto.
Pochi vedono di buon occhio chi rimane a farsi servire e riverire a casa in quanto il sacrificio economico per uscire di casa c'è sempre stato e va affrontato a costo di rinunciare ad altro. Eppure quando qualcuno osa usare termini tipo figlio di papà o mammone si scatena subito il putiferio.

Gli psicologi dello sviluppo affermano che i giovani adulti che evitano di diventare indipendenti per camminare con le loro gambe rischiano di svilupparsi a rilento. In che senso? Nel senso che l'essere dipendenti dai genitori mina lo sviluppo di una sana autostima, ostacola le relazioni di coppia durature per non parlare del crearsi una famiglia propria.

L'armonia famigliare non è sempre un bene

Se i genitori sono sempre d'accordo su tutto, sarà difficile che un figlio o una figlia impari a sostenere un conflitto, ad avere degli scontri di opinione e ad imparare ad avere un atteggiamento assertivo. Tutte competenze sociali importanti per vivere meglio i rapporti interpersonali sia al lavoro sia nella vita privata.

Comunque sia, ognuno va per la sua strada e può decidere di vivere nella propria stanzetta dell'hotel “mamma” anche fino a 40 e più anni. Se è comoda, perché no!?!